Cerca nel blog

martedì 19 aprile 2016

Un'afasia capricciosa

Da ormai parecchi anni tratto una walchiria di 92 anni. Emigrata dalla Lituania tedesca all’età di 14, ha vissuto in Italia per quasi 60 anni. Ciononostante, ha ancora l’accento crucco, parla in tedesco con i figli, e i generale con il tedesco sembra trovarsi sempre più a suo agio che con l’italiano.

L’ho presa in carico dopo una protesi d’anca, e non l’ho più lasciata. Sebbene io sia più propensa ad indirizzare ad altri i pazienti dopo qualche tempo (trovo che cambiare approccio e mani, dopo un po’, sia indispensabile ), lei non mi ha permesso di mandarle un collega. Succede a tutti noi. Ormai è diventata una terapia reciproca, e senz’altro anch’io non potrei più farne a meno.

La sua storia clinica è lunga e complessa (92 anni, che vi aspettavate?!) ma ve la risparmio. Vi dirò solo che soffre da anni di TIA, che si manifestano talvolta con una pericolosissima perdita di coscienza (cade improvvisamente , causa delle fratture dell’anca 10 anni fa), talvolta con degli innocui ma fastidiosi black out nella vista, e nelle crisi più durature di afasia di Wernicke.

I TIA , Attacchi Ischemici Temporanei, sono come dei mini-ictus. Una parte del cervello si trova senza ossigeno per qualche ragione, il tessuto cerebrale si mette da solo in riposo forzato, mette il cartello “trono subito” e riprende a funzionare quando il danno è stato riparato (o aggirato).

L’afasia è una alterazione del linguaggio, e prende nomi diversi in base ai tipi: quella di Wernicke è stata amichevolmente chiamata “l’insalata di parole” perché la grammatica è mantenuta, ma il paziente sostituisce alcune parole con altre reali, vere, di senso compiuto ma inappropriate al discorso. Esempio:  “volevo farti arrotolare (leggere) una cosa, ma non trovo i dischi (occhiali)”

Io e l’aiutante della mia walchiria ormai ci mettiamo in allerta già dalle prime sostituzioni: se durano poco e sono lievi, aspettiamo, in genere dopo il primo pisolino scompaiono. Se durano più di mezz’ora, rimaniamo in osservazione. Ma vi dirò che anche  portarla in ospedale è solo uno scrupolo: non possono farle nulla, a parte rivoltarla di analisi per poi confermare che ha… dei TIA ricorrenti!

In una delle crisi cui ho assistito, ho voluto fare un esperimento: ho chiamato un figlio e gli ho chiesto di parlare con lei in tedesco, per vedere se l’afasia dei bilingui si manifesta allo stesso grado in entrambe le lingue. Ero certa che si potessero paragonare  come presentazione, ma –ovviamente- non come parole.

La sorpresa è stata che  in tedesco non presentava afasia!

Evidentemente benché l’area del linguaggio sia sempre quella, le due lingue seguono connessioni cerebrali  diverse, e quelle della sua lingua madre vengono risparmiate (forse il cervello le ha messe in un posto più sicuro? O è un caso?)

Non conosco una letteratura sulle afasie dei bilingui, ma certo se Oliver Sacks avesse avuto la buona creanza di stare ancora qui con noi, prima o poi ci avrebbe illuminato con uno dei suoi studi!

sabato 16 aprile 2016

Minivideo FISIOTRUCCHETTI

Alla fine è successo: stanca di ripetere sempre le stesse cose ai pazienti, ho creato delle "pilloline" di ergonomia in versione video.

Naturalmente un minuto di video non sostituisce le parole e il tocco di un professionista, ma senz'altro qualcuno apprezzerà dei semplici trucchetti per avvertire meno dolore nelle più consuete situazioni di vita quotidiana.

Gli attori non sono professionisti, e anche per me era la prima volta con il green screen...
Devo dire che sono stati giorni di faticoso divertimento, che speriamo diverta e sia utile anche a voi

Buona visione a tutti!

I FISIOTRUCCHETTI: pulizie